Profondo Rosso, film del 1975, e’ l’opera di Dario Argento che fa da anello di congiunzione tra la fase thriller e quella horror.

Inizialmente avrebbe dovuto intitolarsi “La tigre dai denti a sciabola” per continuare il filone zoologico dei film precedenti: L’uccello dalla piume di Cristallo, Il gatto a nove code e Quattro Mosche di Velluto Grigio.

Il titolo “Profondo Rosso” e’ stato utilizzato come titolo ultimo, ma di grande assonanza per le tinte forti che vengono usate nel film, dal sangue al sipario della scena iniziale.

La musica dei Goblin, con la partecipazione del pianista jazz Giorgio Gaslini, e gli effetti speciali a dir poco terrificanti, hanno fatto di questo film un successo nazionale, che ha visto la sua uscita nelle sale il 7 marzo del 1975.

Durante un congresso a Roma, la sensitiva Helga Ulmann (Macha Meril), al pubblico dichiara di sentire una presenza inquietante, qualcuno che ha ucciso e lo fara’ di nuovo.

Una volta finito, il congresso, Helga confessa al suo amico, lo psichiatra Giordani (Glauco Mauri) che non solo ha avvertito questa presenza, ma sa chi e’  e conosce il suo volto.

Tornata a casa, la sensitiva viene brutalmente uccisa con una mannaia. Nello stesso momento il pianista Marc Daly (David Hemmings) si incontra con l’amico Carlo (Gabriele Lavia) ed entrambi assistono all’urlo della donna mentre viene uccisa.

Marc si precipita subito nell’appartamento della donna, per riuscire a salvarla, ma senza riuscirvi.

La Polizia poco dopo insieme alla curiosa giornalista Gianna Brezzi (Daria Nicolodi) irrompono nell’appartamento.

Il pianista, ha un continuo pensiero, ricorda di essere entrato ed aver visto qualcosa, che adesso sembra essere sparito.

Marc e Gianna iniziano le loro indagine, conoscono la madre di Carlo, Marta (Carla Calamai) un ex attrice.

Marc successivamente ricevera’ la visita dell’assassino che si fa riconoscere tramite una musica infantile collegata alla leggenda della “villa del bambino che urla”.

Questa storia e’ contenuta in un libro intitolato “Fantasmi di oggi e leggende nere dell’eta’ moderna” dell’autrice Amanda Righetti, cosi’ Marc decide di contattarla, ma lo stesso giorno la donna muore.

images-3

Il successivo nella lista del killer e’ lo psicologo Giordano a conoscenza della sua identita’ e deciso a confessarlo a Marc e alla polizia. Naturalmente anche lui viene ucciso.

Nel frattempo le indagini proseguono, all’interno della famosa villa, dove Marc scopre sotto l’intonaco uno strano dipinto, che raffigura un bambino con un lungo coltello in mano, un uomo steso a terra intriso di sangue e un albero di natale.

Torna anche una seconda volta, ma dopo aver trovato una salma viene colpito alla testa e sviene.

Raggiunto dall’amica Gianna, decidono di seguire la pista del disegno e si recano a scuola, dove trovano Carlo, che risulta essere il bambino autore del disegno, che pero’ messo in fuga dall’arrivo della polizia muore investito.

images-2

Marc si rende conto che pero’ l’amico non puo’ essere il vero assassino, in quanto durante il primo assassinio poiche’ erano entrambi nella piazza sottostante.

Tornando a casa della sensitiva, gli torna in mente cosa lo aveva colpito la prima volta che era stato li,  non era stato portato via nulla ma…….

images-1

Le riprese si sono svolte dal 9 settembre al 19 dicembre del 1974, ed e’ girato tra Roma, Perugia e Torino.

Sia il locale “Blue Bar” dove suona Carlo che il libro di Amanda Righetti, non sono mai esistiti nella realta’.

Le mani dell’assassino, con i guanti neri, in realta’ sono quelle di Dario Argento.

Il film usci’ anche in Giappone con un enorme successo di pubblico e di critica.

Io trovo che Dario Argento sia un genio, alcuni film sono strepitosi altri magari un po’ meno, ma per il mio punto di vista, nonostante tutto li ho visti tutti.

M

Annunci

Un pensiero su “Profondo Rosso – Dario Argento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...