L’esistenza mortale di Konrad Witz, pittore del primo quattrocento renano, e’ immersa dall’inizio alla fine nella piu’ totale oscurita’.

Non si conosce infatti dove e quando sia nato Konrad figlio del pittore Hans Witz di Rottweil.

Si puo’ solo supporre che sia  nato verso la fine del primo decennio del XV, che sia morto tra 1444 e il 1446, e che quindi la sua esperienza da pittore si concentri tra il 1434 e il 1444/46.

Di certo sappiamo che il padre si era trasferito per un periodo di tempo a Costanza, e che successivamente si sia trasferito a Basilea dove si stava svolgendo un importante Concilio.

Nel 1434 Konrad fu accolto nella corporazione dei pittori (Himmelzunft) rendendolo cosi’ un pittore autonomo e che l’anno successivo gli fu concessa la cittadinanza.

Nel 1435, il pittore sposa Ursula Treyger, nipote del pittore Niklaus Rusch di Tubinga, detto anche maestro Lawelin, con il quale dipingera’ una sala dell’arsenale cittadino.

Si presume che nel 1434, abbia dipinto il grande  altare a sportelli detto “SPECULUM”, per la Chiesa di San Leonardo a Basilea.

Nel 1444 il Witz firmo’ il grande altare a sportelli di San Pietro a Ginevra, per conto del cardinale arcivescovo Francois de Mies, che aveva portato con se il pittore lasciando il Concilio basileese.

91px-Konrad_Witz_006

Annunci