Sleepers e’ un film del 1996 diretto da Barry Levinson, premio oscar per il film Rain Man-L’uomo della Pioggia, tratto dal romanzo omonimo e autobiografico di Lorenzo Carcaterra.

L’autore del libro e’ cresciuto con un padre violento, e le sue storie autobiografiche sono state pubblicate nel suo primo libro “A safe Place: The true Story of a Father, a Son, a Murder” e secondo me anche nel romanzo da cui e’ stato tratto il film.

Lorenzo (Joseph Perrino) Michael (Brad Renfro) John (Geoffrey Widgor) e Tommy (Jonathan Tucker) sono dei ragazzi, che vivono a Hell’s Kitchen, conosciuto come il quartiere piu’ malfamato e pericoloso di Manhattan.

Questa realta’ sociale, e le condizioni familiari di ognuno di loro, li porta ad unirsi in una profonda amicizia, molto chiusa, protetta aperta solo ad alcune persone fidate tra cui la giovane Carlo Martinez (un aragzza mezza portoricana e mezza irlandese) e Padre Roberto Carrillo (Robert De Niro) chiamato anche Bobby, un uomo di chiesa con un passato da delinquente e per il quale 3 dei giovani lavorano come chierichetti in Chiesa.

I ragazzi all’interno del quartiere, svolgono alcuni lavori, per conto di un anziano boss della malavita, King Benny (Vittorio Gasmann).

Durante la calda estate del 1967, i quattro amici, decidono di rubare il carrello del venditore di Hot-Dog, perdendone il controllo, lo fanno cadere dalle scale che portano alla metropolitana uccidendo un passante.

Vengono condannati alla pena di 18 mesi da scontare nel riformatorio maschile Wilkinson, nel braccio sorvegliato da quattro secondino il cui capo e’ Sean Nokes ( Kevin Bacon).

I secondini sono molto violenti, nei confronti dei ragazzi, che vengono presi di mira per tutta la duranta della detenzione, e sottoposti ad abusi e violenze sessuali.

Prima di uscire dal riformatorio i ragazzi promettono di non parlare mai piu’ di cosa e’ successo all’interno delle mura del carcere.

Fino al 1981, quando gli ormai adulti John (Ron Eldstar) e Tommy (Bill Crudup), il cui passato li ha portati a diventare dei killer, riconoscono in un bar, il capo dei secondini e decidono di ucciderlo.

Michael (Brad Pitt) divenuto sostituto procuratore, riesce a farsi affidare il caso ed informa Lorenzo (Jason Patric) diventato giornalista, e che ha passato la sua vita alla ricerca degli altri secondini.

Il primo secondino (Adam) e’ diventato un poliziotto corrotto, il secondo (Henry) lavora per il sindaco ma non ha mai smesso di praticare abusi sessuali su minori, e l’ultimo (Ralph) e’ un rispettabile citadino che lavora nei servizi sociali.

L’avvocato (Dustin Hoffman) a cui viene affidata la difesa dei due imputati, e’ un uomo  finito, drogato e alcolizzato che vuole patteggiare la pena ma viene convinto dal boss King Benny a sostenere la tesi dell’innocenza, l’unico problema e’ trovare un testimone che posizioni i killer in un altro luogo.

All’interno del film e’ riproposta la scena del film “L’ultima sporca meta” in cui i detenuti si sfidano con i secondini. In teoria dovrebbero perdere, ma invece decidono di mettere tutte le loro forze nella partita di football battendo le guardie, provocando l’inesorabile successiva vendetta (fuori dal campo) dei secondini.

Durante una scena, il professore di letteratura del carcere, consiglia a uno dei ragazzi la lettura del Conte di MonteCristo (il ragazzo aveva letto solo la storia illustrata), e secondo me e’ il libro che identifica tutto il film, la fuga dal carcere (Il protagonista del film invidia e rispetta Edmond Dantes perche’ e’ riuscito a fuggire) e secondo me e’ stata la guida per la vendetta finale nei confronti dei secondini.

E’ un film che consiglio, oltre che per il cast a mio avviso stellare, anche per la trama, non banale e che ti tiene inchiodato allo schermo fino alla fine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...